Barley BB9, 75cl.

Aroma (e il Futuro.)

Ultima arrivata in casa Barley, segna il passo di un'ulteriore evoluzione brassicola nell'utilizzo di mosti autoctoni: l'aromaticità della Malvasia si unisce alle note esotiche dei luppoli americani, tedeschi, neozelandesi per un'impronta sensoriale modernissima, profonda. È, questo, uno stupore mai fine a sé stesso; ma dettato dall'eccezionalità di un'esperienza.


Avvisami quando disponibile




Produttore:

Cos'è il Terroir? È un luogo geografico, un luogo tecnico, un posto dello Spirito. È certo l'humus da cui nascono ingredienti, piante, cereali, viti: ma è anche una cultura, la manualità di chi trasforma le materie, l'insieme degli elementi concreti e astratti (tecnologici, paesaggistici, relativi al sapere e al saper fare) che intervengono nella creazione di un prodotto. È applicabile questo concetto alla Birra, i cui ingredienti di base - malto e luppolo - vengono spesso originati lontano dal territorio in cui vengono successivamente lavorati per diventare bevanda finita? Noi di Gourmet Italy crediamo di sì. Il Birrificio Barley, sito a Maracalagonis (CA), porta nelle sue invenzioni una carica sensoriale indubitabilmente sarda: luppoli e malti, scelti sapientemente dal mastro birraio e patron Nicola Perra, sposano ingredienti del territorio (mosti di uve autoctone, mieli, frutti) per incontrare una cultura del fare e del bere Schiettamente e profondamente radicata nel genio, generoso e selvatico, dell'Isola.


Maggiori informazioni

Scheda di degustazione.

 

Opalescente, con un colore imperscrutabilmente bronzeo alleggerito dai riflessi d'oro della Malvasia, questo barley wine racconta di un giro del mondo riassunto per aromi. L'erbaceo dei luppoli tedeschi, il caratteristico frutto tropicale donato dal Nelson Sauvin della Nuova Zelanda, l'agrume tipico degli hops americani trovano un punto d'incontro con la Malvasia cagliaritana, che li riunisce sotto l'insegna di un profumo etereo, divino. La trama di malti costruita per supportare questo prodigio è bilanciata, millimetricamente calibrata sui toni del frutto. La chiusura, piacevolmente amara, rinfresca la bevuta di per sé abbastanza calorosa: il 9% di ABV richiede un impiego con piatti robusti e sapidi che necessitino dolcezza. Consigliamo di provarla con un capretto allo spiedo, un pecorino piccante (magari di Farindola), salami di fegato, cassoeula milanese.