•  
  • Calabretta Gaio Gaio 2010, 0,75L

    Calabretta Gaio Gaio 2010, 0,75L

    Spensieratezza al calice.

    Un vino dal nome azzeccato: Nerello Mascalese in purezza, un leggero rubino traslucido, dalla bevibilità gioiosa... Odori di piccoli fiori, ribes, acidità che invoglia alla sete; sentori minerali ai limiti del sapido, una festa. Provatelo come aperitivo o in abbinamento a carni bianche, caponata, formaggi di ridotta/media stagionatura.

     




    Produttore:

    Il Vulcano! A'Muntagna! Eruzioni, pericoli, città cancellate ma un affetto ed una traccia di sublime legano i Siciliani d'oriente all'Etna. Faccia di natura, serena e crudele di generosità, ha volto duro e scuro, fiero - ed una terra, nera... La vite ci cresce peculiare: minerale di zolfo e di cenere, grappoli maturi tardi per le forti escursioni di temperatura, così è il Nerello Mascalese che s'arrampica sui pendii - in filari stortati dalle asperità della roccia. La gente è riconoscente, alla Montagna: quando tutto è fertile e ricco, e con la cura giusta ci si può ricavare un Paradiso terrestre. La montagna, per sua natura duplice, minaccia e protegge: quegli stessi filari vitati, per esempio, li protesse nell'Ottocento dalla fillossera; che non riuscì a penetrare la rena porosa, a marcire a quelle piante le radici. L'azienda Calabretta produce oggi (ma già da quattro generazioni) vini della tradizione etnea immaginati in chiave biologica, curando viti a piede franco radicate in terra lavica vecchie fino a 200 anni, impiegando per la fermentazione soltanto lieviti autoctoni.