•  
  • Occhipinti SP68 Bianco, 2011, 0,75L

    Occhipinti SP68 Bianco, 2011, 0,75L

    Passeggiate di sensi, lungo la strada dei muretti a secco

    Sa della calce della sua terra, di Sole: minerale da terreni calcarei spolverati di sabbie rosse, è un Albanello autoctono ragusano 'arrotondato' con una quota di Zibibbo (Moscato d'Alessandria): biologico, vinificato con lieviti indigeni, presenta corpo snello che oscilla tra l'agrume, il frutto bianco, rimandi balsamici e vegetali.




    Produttore:

    Chi c'è dietro le cantine Occhipinti? Arianna. Giovane imprenditrice di successo: siciliana, appena trentenne. Se ci fossero altre tre Arianna, in Italia, i problemi relativi all'occupazione giovanile, alla questione meridionale di stampo borbonico, alla carriera femminile avrebber se non altro dei modelli eccellenti cui ispirarsi, per essere rirolti. Se ci fossero occhi come quelli di Arianna, capaci di guardare alle vigne, alla terra, al patrimonio culturale sposandoli sinceramente ad uno spirito d'innovazione; forse non ci sarebbe crisi - ma una nuova economia, ed i vini che berremmo sarebbero più amichevoli, schietti, forse migliori. Vi lasciamo alle sue parole:


    "Vivo a Vittoria e amo ciò che faccio, vino, vigna, muretti di pietra, l'erba secca, la mia terra siccitosa. Il sole che sale presto al mattino sui Monti Iblei che vedo da Fossa di Lupo, la mia contrada, mentre il sole arrossisce a strati e la luce calda si diffonde tra i filari. Questo è ciò che vivo, ciò che il vino mi lascia vivere. E questo è ciò che vorrei fare per sempre.Amo i vitigni di questa terra, Frappato e Nero d'Avola, mi ritrovo nelle loro espressioni, nell'essere armonici e disuguali. Amo la forza che hanno, di sapersi portare dentro allo stesso tempo il passato e il futuro."

     

    - Arianna Occhipinti - 


    Maggiori informazioni

    Abbinamenti: aperitivo, antipasti a basse di formaggi freschi, verdure, pesce.